Skip to main content

Ogni Grand Vintage è unico e originale, l'interpretazione libera e personale dello Chef de Cave per rivelare l'eccezionale personalità delle singole annate.

Il Grand Vintage 2009 incarna perfettamente lo spirito Moët & Chandon Grand Vintage, fondato su tre valori:

  • Libertà di interpretazione
  • Selezione dei vini più eccezionali dell'anno 
  • Individualità del Vintage 

Per champagne che si distinguono per la loro maturità, complessità e il loro carisma. 

Scopri come degustare
il nostro Champagne

ASSEMBLAGGIO

Nel 2009 è il Pinot nero a prendere il sopravvento. L’eleganza ariosa del vino è la vera essenza del vintage: la percentuale di Pinot nero non è mai stata così alta dal 1996. 
 

Pinot noir
59% of which 19% red wine
Meunier
11%
Chardonnay
30%

Dosaggio: 5 g/litro

Tempo di maturazione nelle cantine: 7 anni

Periodo di invecchiamento dopo la sboccatura: minimo 6 mesi

Contiene solfiti

 

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Colore Luminoso :

  • Rosa intenso con accenni di topazio.
  • Riflessi corallo, splendidamente scintillanti.
  • Perlage finissimo e persistente.

Bouquet appagante e appetitoso

  • Il bouquet è deliziosamente appetitoso. 
  • Le note iniziali evocano sentori di bacche mature raccolte sotto il sole estivo: frutti di bosco, fragole selvatiche, lamponi e mirtilli, a cui si aggiungono le sfumature botaniche e floreali delle caramelle al rabarbaro, alla violetta e al papavero.
  • Un tocco di vaniglia e di pepe rosa sottolinea la piena maturità del vintage.

PALATO CALDO E GIOIOSO

Il palato evoca gioia, richiama alla mente un luna park con le sue giostre vorticose e le risate dei bambini davanti alle bancarelle di dolci: marshmallow, caramelle, zucchero filato e mele caramellate. Poi sopraggiungono note di noce moscata, fico secco e ciliegia nera. Il Pinot Nero si esprime con un’eleganza leggera e ariosa, una texture morbida e delicata e un retrogusto

Caramello
Ciliegia
Agrume

Esplora le gallerie sotterranee delle più grandi cantine in Champagne.

« Proprio come il suo champagne, quando Monsieur Moët entrava in una stanza, la noia svaniva.. »
Attribuita a un contemporaneo di Jean-Remy Moët